• Coronavirus: un aiuto da EBNA

INAIL: perché la paghiamo?

L’Inail (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) è l’Ente Pubblico preposto a prevenire i rischi lavorativi, ad informare, formare e dare assistenza in materia di sicurezza e salute sul lavoro.

Per garantire tutto ciò, ogni datore di lavoro che avvia un’attività, dovrà obbligatoriamente iscriversi all’Inail, indicando l’attività esercitata, le lavorazioni svolte, l’ammontare annuo presunto delle retribuzioni dei lavoratori in relazione alle lavorazioni stesse e, conseguentemente, sostenere un costo per tale assicurazione (il cosiddetto premio), a suo totale carico.
Tale obbligo spetterà anche agli artigiani senza dipendenti.

Il premio è determinato dall’ammontare delle retribuzioni, effettive o convenzionali corrisposte durante il periodo assicurativo, e dal tasso del premio; in poche parole ci si assicura all’Inail per sostenere eventuali rischi di infortuni o malattia professionali che potrebbero verificarsi in costanza di rapporto di lavoro.

Il datore di lavoro soggetto all’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e l’artigiano senza dipendenti pagano ogni anno il premio mediante l’autoliquidazione.

Il procedimento consente di determinare e versare direttamente il premio infortuni e malattie professionali, nonché il premio speciale artigiani.

Entro il 16 febbraio di ogni anno il datore di lavoro deve:

  • calcolare il premio anticipato per l’anno in corso (rata), e il conguaglio per l’anno precedente (regolazione) sulla base delle retribuzioni effettive dell’anno precedente;
  • conteggiare il premio di autoliquidazione dato dalla somma algebrica della rata e della regolazione, al netto di eventuali riduzioni contributive;
  • pagare il premio di autoliquidazione utilizzando il “Modello di pagamento unificato – F24”.

Anziché in unica soluzione, il premio di autoliquidazione può essere pagato in quattro rate trimestrali, ognuna pari al 25% del premio annuale, dandone comunicazione direttamente con i servizi telematici previsti per la presentazione della dichiarazione delle retribuzioni.

Le scadenze dei versamenti delle quattro rate sono predeterminati come segue:

  • I rata, 16 febbraio
  • II rata,16 maggio
  • III rata, 16 agosto differita al 20 agosto
  • IV rata,16 novembre.

Convegno Federcarrozzieri del 29 febbraio 2020 è aperto a tutti e la partecipazione è libera

Segnatevi questa data: 29 febbraio 2020. Perché alle 9 del mattino inizia il convegno nazionale di Federcarrozzieri, al Novotel di Bologna Fiera. Il tema centrale dell’incontro sarà il risarcimento a favore del danneggiato dopo un incidente.

 

30 gennaio, 2020|Categorie: FEDERCARROZZIERI|Commenti disabilitati su INAIL: perché la paghiamo?