Federcarrozzieri, nell’ottica di proporre sempre nuovi servizi ai propri iscritti ed in occasione dei recenti aggiornamenti normativi in materia di privacy offre un riferimento prezioso per tutti coloro che in questi giorni si stanno interrogando sulle conseguenze e sugli obblighi contenuti nel 679/16/EU.

Adeguamenti al nuovo regolamento privacy per tutti i comparti dell’impresa, nomine dei responsabili e sistemazione dei siti web: attraverso il blog Federcarrozzieri offre la possibilità di usufruire di questi servizi con costi privilegiati.

GLI ADEGUAMENTI PRIVACY OBBLIGATORI PER TUTTI DAL 25 MAGGIO 2018

Dal 25 maggio è in vigore il nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati Personali 679/16/EU. Il provvedimento impone a tutte le attività commerciali di mettere al centro del proprio business la tutela e il corretto utilizzo dei dati personali raccolti dai clienti, dal personale e da eventuali terzi e si propone di responsabilizzare la comunicazione dei dati ai fornitori di servizi con apposite regole di ingaggio.

Devono essere aggiornate tutte le informative all’interessato, ma si devono anche predisporre contratti ad hoc per le figure interne ed esterne che trattano i dati per conto del titolare del trattamento.

Le misure di sicurezza diventano una scelta libera, ma deve essere ponderata da parte dell’imprenditore e dei suoi preposti.

La normativa, infine, prevede sanzioni importanti commisurate a percentuale del fatturato d’impresa.

La regolarizzazione della vostra attività richiede in un’indagine accurata per identificare la categorie di dati, gli interessati al trattamento e le modalità delle stesse, oltre ad una preparazione specifica dei responsabili e del personale.

Federcarrozzieri mette a disposizione dei propri iscritti un “pacchetto messa a norma privacy”, che include:

– indagine conoscitiva dedicata
– predisposizione delle informative necessarie
– redazione dei contratti di nomina delle figure richieste per legge
– modulo per il registro dei trattamenti ex art. 35 del regolamento 679/16/EU

opzionale, su richiesta, la formazione al personale, preventivo da valutare caso per caso.

Il costo del servizio di consulenza è pari a soli Euro 900,00 oltre oneri di legge per gli iscritti mentre ai non iscritti al costo di Euro 1.300 oltre oneri.

Contatti:

0510217230  numero Federcarrozzieri dedicato con segreteria per lasciare recapiti ed essere ricontattati

eMail:[email protected]

——-

FAQ

A CHI SI APPLICA IL REGOLAMENTO PRIVACY?

La nuova legge europea si applica a tutti i soggetti commerciali, business e regola il trattamento dei dati di privati cittadini o persone fisiche equiparate (che la legge chiama “interessati”), che venga effettuato da tali imprese nell’esercizio di qualunque loro attività.

QUALI SONO I “DATI PERSONALI”?

Dato personale è qualunque informazione che, anche se solo in collegamento con altre, appartenga ad una persona fisica. Ad esempio: sono dati personali sia il codice fiscale (che è in grado da solo di dare più informazioni sulla persona a cui appartiene) sia il codice pin del vostro bancomat perché se unito ai dati della vostra tessera bancomat, identifica univocamente la vostra identità!

I dati personali possono essere di tanti tipi perché essi possono dare informazioni (da soli o uniti con altri dati) non solo sull’identità, ma anche sulla salute, sulla religione, sulle opinioni politiche, sul corso di procedimenti giudiziari etc etc.

Nel nostro quotidiano trattiamo molti più dati personali di quanti pensiamo siano ed essi appartengono a diverse categorie a cui si possono applicare differenti prescrizioni della normativa vigente.

COSA SIGNIFICA “TRATTARE” I DATI PERSONALI?

Il regolamento si applica nel momento in cui “trattiamo” i dati personali degli interessati. Molti pensano che trattare significhi “utilizzare”, ma in realtà il trattamento comprende tutte le attività anche passive, dal momento in cui il dato viene acquisito dall’impresa (che ne diventa il “titolare del trattamento”) fino alla sua cancellazione.

Conservare un dato o anche solo detenerlo, significa trattarlo e trattarlo implica l’adozione di tutte le prescrizioni della nuova legge (come di quella vigente sino ad oggi).

Pubblicare un dato personale sul nostro sito d’impresa, ad esempio, ha un nome specifico: “diffusione”. La diffusione è un trattamento molto delicato perché significa mettere a disposizione della comunità del Web indiscriminatamente tale informazione e per questo la legge impone particolari tutele.

QUALI COMPETENZE SONO NECESSARIE PER ESSERE IN REGOLA CON IL NUOVO REGOLAMENTO?

L’impresa oggi deve indicare persone preparate e ben formate affinché gestiscano sia da dentro l’azienda, sia come fornitori di servizi esterni, il trattamento dei dati personali.

La nuova legge impone livelli di responsabilità più elevati e chiede che si metta per iscritto con atti e contratti appositi, l’affidamento degli incarichi di Responsabile per il trattamento dei dati e quello della nuova figura del Responsabile per la Protezione dei Dati (Data Privacy Officer). L’affidamento ai soggetti corretti di questi ruoli, quando necessari, è un passaggio che richiede un esame attendo e completo dell’azienda e dei dati personali ch’essa sottopone a trattamento.

LE INFORMATIVE PRIVACY 

Al centro del sistema di trattamento dei dati c’è il punto fondamentale di contatto tra l’impresa e l’interessato (di solito il nostro cliente), ossia l’informativa che è quel documento che spiega quali dati intendiamo trattare, come li tratteremo, per quali finalità e per quanto tempo, aggiungendo anche tutti i diritti di legge che l’utente ha per interagire con noi. Il regolamento raddoppia il concetto di informativa, introducendo le informative ulteriori e aggiorna il contenuto delle stesse.

IL REGISTRO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Per agevolare la comprensione da parte dell’impresa del flusso di dati e dei trattamenti che vengono effettuati ai sensi del nuovo regolamento, la norma prevede uno strumento nuovo, il Registro dei trattamenti, che riassume tutte le informazioni fondamentali e costituisce strumento operativo importante sia per adempiere la legge nei diversi aspetti sia per dimostrare, in caso di contestazioni, di aver fatto trattato i dati personali nel rispetto della normativa.

INFINE LA SCELTA DELLE MISURE DI SICUREZZA

Per essere in regola, il trattamento dei dati personali deve rispettare regole anche tecniche conformi alla normativa, ma da oggi queste regole deve sceglierle direttamente l’impresa e deve farlo assumendosi la responsabilità e i rischi che tali misure siano adatte in concreto alla propria attività.

Queste brevi e informali indicazioni, servono solo per darvi un’idea del nuovo approccio europeo e tutto questo senza parlare delle importanti sanzioni a percentuale sul fatturato che il regolamento europeo prevede. L’attività di messa a norma non può essere “delegata” ad un pur bravo professionista, ma deve essere il risultato di una collaborazione con Voi e di una comprensione da parte dell’impresa dei meccanismi che d’ora in avanti dovranno essere sempre considerati quando, ad esempio, si attiva un nuovo servizio o si decide di ampliarne uno esistente. Siti web inclusi.

Contatti: 051 0217230
numero Federcarrozzieri dedicato con segreteria per lasciare recapiti ed essere ricontattati

eMail:[email protected]