CAVALLO DI TROIA

 

La Cassazione spiega ancora una volta alle Compagnie che la cessione di credito è lecita e legittima: la sentenza 22601/13 del 3 ottobre.

La Cassazione bacchetta le assicurazioni furbette che continuano a far finta di non sapere che la legge consente la cessione del credito a favore del carrozziere. Così, come già in passato, la cassazione è tornata a chiamata a dire il suo sì alla cessione del credito, con la freschissima sentenza 22601, pubblicata sul sito aggiornatissimo dell’ Unarca.

 

La sentenza in parole povere

Si tratta di una decisione scritta in modo articolato e complesso, che sintetizziamo brutalmente. Pur di non dare l’ok alla cessione del credito, in un caso che riguardava addirittura la cessione di crediti relativi a danni a persona, una compagnia si è difesa sollevato una questione di legittimità costituzionale “nella parte in cui non prevede il divieto di cessione del credito a titolo di danno biologico e morale della vittima di un incidente stradale“.Sentite che dice la Cassazione, quasi seccata dall’ennesima insistenza delle compagnie: “Sotto quest’ultimo profilo, il motivo è inammissibile”. È un “principio più volte chiarito da questa Corte anche a Sezioni unite”. E allora, fin quando le assicurazioni insisteranno? “Questa Corte ha gia avuto modo di affermare che il credito da risarcimento del danno da sinistro stradale è suscettibile di cessione, in ossequio al principio della libera cedibilità del credito”. “Il cessionario [il carrozziere] è stato pertanto ritenuto legittimato ad agire, in vece del cedente, per l’accertamento giudiziale della responsabilità dell’autore del sinistro e per la conseguente condanna del medesimo e del suo assicuratore”. E ancora: “II riconoscimento della cedibilità e trasmissibilità del credito da risarcimento del danno non patrimoniale trova d’ altro canto significativo riscontro, si e posta in rilievo in dottrina, nella generale evoluzione dell’orientamento interpretativo registratasi nel diritto americano e continentale”.

 

È sempre allarme rosso

Però attenzione: è chiaro che le assicurazioni torneranno alla carica. È altrettanto vero che cercheranno di fare pressione sul Parlamento e sul Governo affinché la questione si risolva alla radice: eliminazione della cessione di credito mediante una nuova legge che modifichi il quadro legislativo attuale. Quindi i carrozzieri devono sempre e comunque stare sul chi va là, l’ascia della guerra dialettica non va sotterrata, i riparatori rimangano vigili, con le antenne drizzate a captare segnali pericolosi. Occhio: se l’indennizzo diretto divenisse obbligatorio per ogni tipo di sinistro e la forma specifica si diffondesse tra tutte le compagnie, il Ministero dello Sviluppo Economico non avrebbe bisogno di vietare la cessione. Infatti tutte le carrozzerie si dovrebbero, in caso di nuova legge, adattare forzatamente alle condizioni di polizza. E dovrebbero seguire la tariffa di riferimento da fiduciari. Questo varrebbe anche per i carrozzieri indipendenti. Tutto verrebbe uniformato e standardizzato, anche i ricambi forniti, i tempari decisi dalla Compagnia. E il perito tornerebbe a dettare legge a casa nostra: per le sue capacità tecniche? No: per fare valere le condizioni di polizza che diventano legge.

APPOGGIAMO GLI ATTREZZI

 ALZIAMO LA TESTA 

PARTECIPIAMO AL CONVEGNO DOMENICA 13 OTTOBRE

REGISTRATI GRATUITAMENTE ALL’EVENTO

 NOI DEL BLOG SAREMO NUMEROSI

Immagine

 

IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA

LA MATTINA ore 10.30
Quanto vale il lavoro del carrozziere?
Panoramica sui “numeri” della Carrozzeria a cura di Marc Aguettaz – Gipa Italia

MONDO CARROZZERIA ore 11.30

Il peso della burocrazia sulle carrozzerie: uno studio realizzato da Carrozzeria Consorzio Carrozzerie Artigiane e Consorzio Carrozzieri Italiani

Adeguarsi alle nuove normative: il problema dei gas fluorurati, ecco come i consorzi possono aiutare i carrozzieri a mettersi in regola – Francesco Mea, Consorzio Car

Difendersi dalle contestazioni delle assicurazioni: una pratica non ortodossa per reagire alla formula dell’indennizzo in forma specifica – Fernando Miliucci, Inrete Car

Carrozzieri indipendenti: dal vetro alla comunicazione: i carrozzieri indipendenti si organizzano – Davide Galli, Federcarrozzieri

Parlare con una sola voce: la scelta di Carrozzeria trasparente e il ruolo dei network – Marco Interdonato,Carrozzeria Trasparente

Crescere in maniera sinergica per recuperare quote di mercato – Massimo Foghinazzi, Eurocar/Euroglass

PRANZO ore 13.30

GLI STATI GENERALI DELLA CARROZZERIA ore 15.30 

Articolo 1, mozione 07-00060 e oggi la riforma del settore RCA.
Il settore della riparazione rischia di essere azzerato dalle scelte politiche che proprio in questi giorni sono in discussione.
Non permettere che tali scelte condizionino il tuo lavoro di domani, partecipa alla tavola rotonda e fai sentire la tua voce. Al tavolo avremo:

On. Yoakin GutgeldCommissione Giustizia e primo firmatario della proposta 07-00060, esperto economista e consigliere economico di Renzi

On. Andrea CollettiCommissione Giustizia, ha difeso le istanze dei carrozzieri nella recente discussione sulla riforma assicurativa

Gianfrancesco Vecchio: Ministero dello sviluppo economico, attuale Mr Prezzi e dirigente che si occupa della riforma RCA

Vittorio Verdone: Presidente ANIA

Raffaele CaraccioloUnione Consumatori, da anni impegnato a favore dei consumatori in materia di automotive vede oggi convergenze di interesse tra consumatori e riparatori

Stefano MannacioPresidente Cupsit e storico collaboratore di Car Carrozzeria, da sempre addentro ai problemi assicurativi che affliggono il settore

Mario Turco: Segretario nazionale CNA

Raffaele Cerminara: segetario nazionale Confartigianato

Paolo Melfa: segretario nazionale Casartigiani