pecore 2

 

La lunga Storia di questo Blog:  informazioni, pensieri, illazioni ma anche tanto coraggio e intuizione, ma ora………..

Dicembre 2007

Dopo la nascita dell’indennizzo diretto (Governo Prodi, legge Bersani) , valutando il futuro per la mia carrozzeria non fiduciaria , raccolsi informazioni sul web e presi contatto con alcune carrozzerie in Inghilterra. Sulla base delle informazioni ricevute, scrissi e pubblicai sul Blog la lettera (Siamo al Bivio, ora tocca a noi decidere). La lettera è stata letta nei vari incontri provinciali e regionali all’interno della mia confederazione. Il documento è stato cliccato sul web oltre 20.000 volte. Le carrozzerie con le quali scambiai informazioni in inghilterra ora hanno chiuso.

Marzo 2008

Bologna: alcuni carrozzieri, me compreso,  organizzano un’ incontro collettivo nella provincia di Bologna per illustrare le problematiche che fino a quel momento nessuna organizzazione sindacale aveva esposto malgrado i puntuali avvisi ed e-mail inviati ai presidenti di categotria in carica all’ epoca (foto della serata). All’ incontro, ritenuto non ufficiale dalle confederazioni, parteciparono 228 carrozzerie (firma presenza) , durante la serata vennero proiettate delle slide che preannunciavano il futuro dell’autoriparazione di carrozzeria dopo l’inizio “dell’era” indennizzo diretto.

Alcune slide della serata:

Diapositiva14

Diapositiva15

 Diapositiva16

 Diapositiva17

Diapositiva18

 All’epoca non erano ancora molto diffuse e regolarizzate le POLIZZE IN FORMA SPECIFICA, che noi avevamo equiparato alle kasco per la forza intrinseca nel favorire la canalizzazione obbligatoria.

MARZO 2008

Grazie a un sondaggio “clandestino” voluto dal presidente provinciale CNA e collega Bolognese , si votò  l’uscita in massa dal fiduciariato da una importante compagnia di assicurazione, raccogliendo su carta intestata 75 adesioni di “interruzione di rapporto fiduciario” nella provincia di Bologna, quando all’epoca la stessa compagnia contava un totale di 115 carrozzerie. I 75 documenti furono notificati alla compagnia via fax dagli uffici di CNA Bologna e Confartigianato Bologna, il blog è in possesso dei documenti in originale. La compagnia di assicurazione non cancellò dall’archivio dei fiduciari i nominativi delle carrozzerie che avevano deciso di interrompere il rapporto.

APRILE 2008

Le polizze in forma specifica cominciano a prendere forma e sostanza e ad essere vendute agli automobilisti, che si vedono costretti a recarsi dopo l’incidente dai riparatori delle compagnie. Tantissimi articoli parlano nel bene e nel male di questa diffusione, esiste una raccolta di tanti ritagli di stampa nel forum (solo per utenti registrati).

GIUGNO 2009

L’indennizzo diretto viene messo in discussione dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 180/09

NOVEMBRE 2009

Il governo Berlusconi vuole di nuovo riportare obbligatorio l’indennizzo diretto (vedi allegato)

GENNAIO 2010

Alcune carrozzerie di Bologna, che in precedenza avevano richiesto d’essere cancellate dall’archivio dei fiduciari, non avendo riscontro della cancellazione,  coalizzati acquistano 12 pagine su un quotidiano locale e per sei settimane pubblicano questo messaggio (cartello)

FEBBRAIO 2010

Dopo il messaggio sul quotidiano la compagnia citata sopra si vede costretta ad eliminare dall’elenco delle fiduciarie le carrozzerie presenti nell’articolo e rimane con “solo”68 carrozzerie nella provincia di Bologna.

MARZO 2010

Una nuova sentenza sancisce definitivamente che l’indennizzo diretto è facoltativo (articolo), ma le compagnie intanto vendono come soluzione futura, la vendita di polizze in forma specifica che creano ostacolo per la riparazione nelle carrozzerie non fiduciarie.

APRILE 2010

Primo vero attacco alla libera scelta del riparatore, il governo vuole un’emendamento “elimina carrozzieri non fiduciari ” (leggi articolo) come potete notare nell’articolo vi sono degli allegati, infatti le confederazioni, unitariamente si rivolgono alla camera dei deputati e nello specifico all’ On. Marco Mario MILANESE Presidente VI COMMISSIONE FINANZE  e all’ On. Giovanni FAVA Presiedente X COMMISSIONE ATTIVITA’ PRODUTTIVE.

Anche il Blog del carrozziere cerca di reagire coinvolgendo i carrozzieri/lettori ad inviare fax ai ministri (leggi articolo)

MAGGIO 2010

Ritenuto inammissibile l’emendamento “elimica carrozzieri

LUGLIO 2010

Si chiarisce una piccola ma importante regola di mercato per le carrozzerie: Riparare si puo, anche se non sei Fiduciario

DICEMBRE 2010

Tanti condannano la CESSIONE DEL CREDITO, ma noi del Blog la difendiamo, anche per le carrozzerie fiduciarie. (articolo)

MARZO 2011

Bilancio, ma pare che pochi abbiano realmente capito. ( articolo)

MAGGIO 2011

Il coraggio (le 10 domande che nessuno voleva fare alle confederazioni) e che oggi sono ancora senza risposta.

DICEMBRE 2011

Rischio per le carrozzerie indipendenti , al voto norme per limitare la libera scelta del riparatore, noi del Blog avvisiamo le confederazioni. (articolo)

GENNAIO 2012

Viene votato l’articolo 29 (Fine dei carrozzieri indipendenti ?)

Tutti insieme attorno a questo blog, si crea una coalizione virtuale , mirata a difendere i diritti sia dei fiduciari che degli indipendenti. Azioni massive e di gruppo, cercano di duellare con il Senato per fare modificare o cancellare l’art. 29. In questa fase, da più parti nasce l’esigenza di creare una forma di difesa diversa dalle attuali confederazioni CNA e CONFARTIGIANATO, che come presidenti possono offrire solo rappresentanza alle carrozzerie fiduciarie.

E’ l’apoteosi dell’ aggregazione, tutti preoccupati, ma tutti uniti.

FEBBRAIO 2012

Dopo un mese dal voto, il Senato della repubblica cancella il comma uno dell’articolo 29.

Le carrozzerie TUTTE possono cantare vittoria.

MARZO 2012

Con una legittima richiesta esposta dai carrozzieri nasce FEDERCARROZZIERI, l’unica associazione nazionale di rappresentanza delle carrozzerie indipendenti.

MAGGIO 2012

Vittoria assicurazioni “Attacco alla cessione di credito”

Pronta risposta di FEDERCARROZZIERI che invia una segnalazione all’AGCM

SETTEMBRE 2012

A Bologna, monitorando al situazione fiduciari, mi accorgo che tutte le carrozzerie che  avevano rinunciato agli accordi (per quella compagnia in particolare ) hanno richiesto e ottenuto il reintegro nell’elenco, tranne due carrozzerie.

Ora nell’elenco ci sono 108 carrozzerie.

Facendo un calcolo semplice, la presenza di carrozzerie fiduciarie nelle più importanti compagnie assicurative, in tutte le città d’ Italia , dopo l’attacco con l’articolo 29, invece di scendere è cresciuto con un’incremento che parte dell’ 8  fino al 12 % , e puntualmente riceviamo mail di colleghi che ci chiedono come fare a diventare fiduciari.

I carrozzieri NON hanno capito la lezione, ma le compagnie sono ottime maestre.

DICEMBRE 2012 

Antitrust…….”La cessione di credito ? Si ma solo per i fiduciari“.

Ennesimo attacco alla categoria.

Federcarrozzieri invia una memoria all’AGCM.

Il blog la divulga a tutti i raggruppamenti per prendere spunti , solo 14 giorni per le dimostranze.

FEBBRAIO 2013 

Dopo tutti gli allarmi, i proclami, le battaglie e le informazioni che vi abbiamo pubblicato, nulla è cambiato, anzi il numero dei riparatori alleati con le compagnie assicurative è aumentato.

Questo contenitore, letto da migliaia di carrozzieri con oltre 30.000 visite mese, non è riuscito nell’intento di riportare dignità alle aziende di carrozzeria nei cinque anni di duro lavoro portato via alle nostre aziende. Eravamo convinti che fornire informazione indipendente potesse arricchire la conoscenza e aprire la mente di alcune persone, e invece abbiamo solo fatto arrabbiare alcune persone, effetto che non è servito a nulla.

HANNO RAGIONE LORO……..

Dopo le notizie di questi giorni pubblicate su CAR CARROZZERIA riferite a Unipol/Fonsai e il comunicato stampa pubblicato sul sito dell’ AGCM, riferito all’indagine RC AUTO, che confermano quanto scritto dal 2007 a oggi su questo BLOG,  riteniamo inutile continuare a fornire, spesso in anteprima le notizie e i nostri commenti a tutte le carrozzerie.

Dopo gli accadimenti spiacevoli di lunedi 18 e martedi 19, dove il Blog ha ricevuto un’attacco anomalo con la cancellazione di alcuni articoli, lo Staff del carrozziere ha deciso di mantenere per il futuro un profilo più moderato, cambiando radicalmente l’approccio con le carrozzerie fiduciarie e offrendo loro informazioni di altro genere.

I carrozzieri italiani non avevano chiesto nulla, siamo noi che ci siamo offerti, pensando di fare cosa buona, ma non siamo giornalisti, non siamo esperti di leggi, e tantomeno esperti di strategie aziendale. Siamo solo carrozzieri attenti al mercato, in alcuni casi fortunati nelle intuizioni, ma non abbiamo la capacità per continuare a farlo per tutti.

Cosa cambia?

Il Blog è a disposizione di tutti, chiunque volesse scrivere un’articolo e vederlo pubblicato, lo puo’ inviare a: [email protected].

Pubblicheremo articoli provenienti dal web o dai giornali di settore (quando autorizzati).

Da parte nostra non piu’ news, ma iniziative per fare risparmiare le carrozzerie su molti prodotti di largo consumo, mettendo a confronto i nostri fornitori, perchè è questo che ci avete richiesto.

E le notizie in anteprima, gli allarmi e i progetti ?

L’immenso impegno per una comunicazione globale e massiva viene ridotto, continueremo il lavoro portato avanti fino a oggi, le idee e i progetti non andranno perduti, ma le energie verranno ottimizzate e messe a disposizione degli associati FEDECARROZZIERI, che saranno notiziati regolarmente in anteprima.

 

Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.

 

7074102